News   09/07/2015

Quel ramo del lago di… Bergamo, in auto d'epoca!

 

Dalla nuova sede bergamasca di Slow Drive, viaggi vintage guidando gioielli d’epoca tra il Lago d’Iseo, il fiume Adda, i luoghi di Leonardo e di Manzoni 

Via il navigatore, lo smartphone e i congegni elettronici, è ora di staccare la spina (nel vero senso della parola) e calarsi negli anni più colorati, tra figurine e draghi volanti, “il tempo delle mele” e le avventure di Indiana Jones, i Pink Floyd e le canzoni d’amore. È tempo di partire per un viaggio rilassato, calandosi nelle atmosfere anni ’70 e ’80, con il privilegio di mettersi al volante di una mitica auto d’epoca e guidare senza fretta tra colline, laghi e borghi antichi.
Ad esprimere i desideri vintage è Slow Drive, che ha appena inaugurato una nuova sede, a Bergamo, occasione unica per vivere coast to coast i luoghi del Lago d’Iseo, ma anche le perle naturali e artistiche che si scoprono lungo il fiume Adda, il Brembo e i paesi della Valcalepio. Come ci si sente a reggere il volante di una stilosa spider Alfa Romeo aerodinamica decapottabile (2000 cc del 1987), o di un’Alfa Romeo fiammante del 1973 (coda tronca, 1300 cc) oppure a lasciarsi accompagnare dal rombo del motore di un’elegante Lancia Beta Zagato del 1979? E cosa si prova a seguire la strada, viaggiando a bordo di un leggendario Vw Maggiolone cabriolet del 1979?

L’emozione comincia da Bergamo, dove si può scegliere tra una delle 4 tipologie di auto d’epoca a disposizione e partire in direzione Lago d’Iseo. L’itinerario tra le valli bergamasche richiede l’esplorazione della Valcalepio, tra i fiumi Adda e Oglio, che si estende tra filari di vigneti e oliveti, costellata da aziende agricole, antiche fortezze, piccoli borghi come Villongo, Adrana San Martino che ha origini preistoriche e Grove con i suoi particolari portali storici. Prima di arrivare a Sarnico, che si specchia sul Lago d’Iseo con le sue ville liberty e dove si intrecciano viuzze medievali, ci sono i Castelli Calepio. Dopo aver sentito la brezza tra i capelli sfrecciando in decappottabile intorno al lago, si può raggiungere a pochi km il Lago d’Endine, incantevole specchio d’acqua della Val Cavallina immerso nella vegetazione, posto intimo e romantico in cui scattare foto vintage scoprendo spiagge nascoste e angoli di natura.

Ma per dedicarsi al relax più totale, godendosi il viaggio in spider o in maggiolone, meta esclusiva sono le Terme di San Pellegrino, che si trovano nella Valle Brembana. Oltre alle proprietà benefiche e curative delle sue acque, sono espressione viva della Bella Epoque: qui ci sono palazzi con decorazioni di inizio ‘900, residenze liberty, e nella sede delle terme affreschi maestosi e design moderni splendono al cospetto degli ospiti, che possono sentirsi davvero come matrone e nobili d’altri tempi.
Per scoprire il territorio del fiume Adda e ripercorrere i luoghi del grande Leonardo Da Vinci (tra l’altro nella vicina Milano, oltre alla mostra di Palazzo Reale che chiude il 19 luglio 2015, c’è il Museo nazionale di scienza e tecnologia dedicato al genio leonardesco) sono necessari 2 o 3 giorni. Leonardo studiò i flussi e i vortici del fiume, come testimoniano antichi documenti, dipinse i paesaggi dell’Adda nella “Vergine delle rocce”, disegnò un particolare traghetto, che oggi si può ancora vedere a Villa d’Adda, che si muove tra le due rive sfruttando la forza dell’acqua.

A bordo di una rossa Alfa Romeo o una scintillante Lancia Beta si può seguire un itinerario a partire da Bergamo fino a Crespi d’Adda, dove si può visitare il villaggio operaio rimasto intatto, e poi proseguire fino a Trezzo d’Adda con il castello e la centrale idroelettrica, immergersi nel Parco d’Adda, navigando in battello tra oasi naturali e villi. Il viaggio può continuare fino a Lecco, per vivere il villaggio raccontato nei Promessi Sposi e il museo manzoniano.

Per informazioni:
Slow Drive – vintage & motion

Via Marconi, 108 
25080 Padenghe sul Garda (BS)
Tel/fax. 030 9907712
Cell. 338 9785124
E-mail: info@slowdrive.it
Sito web: www.slowdrive.it